Investire soldi o sviluppare i talenti?


germogli

Spesso mi capita di sentire parlare di investimento,
specie in merito a tempo, soldi, energie
che si ripongono in se stessi, nel partner, o nei figli.

Considerato che investire, come Treccani ci ricorda
è, tra i tanti significati, “impiegare utilmente risparmi”,
e per la psicoanalisi è “caricare qualcosa o qualcuno di una componente affettiva”, l’uso di questo termine nel frangente sopra esposto
mi ha sempre destato qualche perplessità.

Quel che mi suscitava e ancora oggi mi suscita
è una sensazione di deposito fruttifero in banca,
o.. l’acquisto di un biglietto della lotteria,
con tanto di attesa vincita moltiplicata!

Ora mi chiedo: non è forse nostro compito,
per noi stessi, per il partner, i figli, o i dipendenti della propria azienda,
creare semplicemente e umilmente
il terreno favorevole
affinché i loro talenti possano emergere e fruttificare?
E che questo accada secondo le loro predisposizioni,
modi, tempi, frangenti, contesti,
e non secondo le nostre attese e previsioni?

Ai posteri l’ardua sentenza …

Anna Fata

#ilcoachingolistico

(fonte immagine: http://www.salutepsicosomatica.it/come-germogli-lo-schiudersi-dell%E2%80%99adolescenza/)

Essere se stessi


essere se stessi

Sapete cosa vi dico, cari Amici, stasera?
Vi dico che in quasi vent’anni di pratica come psicologa
abbiamo tutti le stesse paure, bisogni, desideri.
Tutti vogliamo essere ascoltati, accolti, accettati, amati.
Tutti temiamo di essere rifiutati, abbandonati, giudicati, feriti.
Questo è ciò che rende così complicate le relazioni,
soprattutto quelle affettive,
in cui ci sarebbe l’opportunità di aprirsi e svelarsi per ciò che si è.
Spesso non lo facciamo, fuggiamo,
ci nascondiamo dietro maschere, finzioni, rappresentazioni,
che alla lunga fatichiamo a sostenere.
E ci sentiamo stanchi, annoiati, frustrati, arrabbiati,
ce la prendiamo col partner, che non ci capisce, non ci ascolta, non, non…

E, invece, la soluzione sarebbe semplicissima,
perché sempre a portata di mano.
perché alberga dentro di noi.
E’ la capacità di accettarci per quello che siamo,
senza paragonarsi a chissà quali standard
di bellezza, di costume, di cultura, o di reddito.
E’ la capacità di apprezzare e rispettare il Dono di noi
che ci è arrivato, del tutto non richiesto, nè meritato.

E’ la capacità di fare tesoro di questo,
di riconoscerlo, di metterlo a disposizione del Mondo,
ivi compreso, se capita, anche ad un Partner.

Tutti abbiamo le nostre ferite,
in parte ci siamo nati, in parte sono frutto del percorso di vita,
dell’educazione, familiare, scolastica, sociale,
ma quelle stesse ferite sono quelle che, se riconosciute, accettate, superate,
ci permettono di scoprire quel grande Dono unico e irripetibile
che ciascuno di noi E’.

Anna Fata

Visioni soggettive ..


felicità

C’è una metafora che mi ha colpita molto, che rende molto bene l’idea.
Tra un ottimista e un pessimista
c’è la medesima quantità oggettiva d’acqua nel bicchiere.
Per poter cambiare la visione delle cose si può compiere
un’azione semplicissima: cambiare il bicchiere,
sceglierne uno più piccolo ove collocare l’acqua.
Tradotto: ridurre le aspettative.
C’è uno spazio infinito per essere felici.
Se lo si vuole, se si ha il coraggio di cambiare visione,
se ci si concede questa piccola, grande possibilità ..

Anna Fata

Intervista a Cinzia di Martino


cinzia di martino

Il femminile nel web

Intervista a cura di Anna Fata

D: Chi è Cinzia Di Martino?

 R: È una laureata in informatica che si è stancata di scrivere seguendo il sistema binario e ha voluto provare a tradurre e raccontare alle persone.

È (da sempre) un’appassionata della psicologia umana e della persuasione …continua a leggere ..

Anna Fata: L’intervista su DaSapere


dasapere

Intervista di Cinzia Ciarmatori

Anna Fata è psicologa e coach di orientamento olistico, scrittrice, presidente dell’Associazione ArmoniaBenessere che opera per il raggiungimento del ben-essere globale delle persone, sia in ambito privato che professionale, responsabile di corsi e scuole online.

L’abbiamo incontrata per conoscere qualcosa in più del suo interessante approccio e del suo metodo.

Dalla pubblicazione del tuo libro La Vita professionale e la pratica meditativa, uscito qualche anno fa per le edizioni Il Punto d’Incontro, quale percorso stai esplorando?

Un passo fra i tanti è la meditazione, … continua a leggere su DaSapere

Coaching, Mentoring, Sponsoriship: Le differenze


coaching

(fonte immagine: http://idealistcareers.org/the-2-1-rule-for-finding-a-mentor-or-sponsor/)

Spesso i confini tra questi ruoli sono confusi, e parzialmente sovrapposti, ma si possono delineare alcune delimitazioni e differenze.

Il Coach aiuta a individuare gli obiettivi da perseguire, le risorse, i limiti, i piani d’azione, e monitorare il processo in itinere. Egli può fornire tecniche e strumenti che possono aiutare ad allenare il proprio potenziale, utile in vista del conseguimento dell’obiettivo finale.

Il coaching ha a che fare con le prestazioni, è orientato ad un obiettivo. Il coach è …leggi tutto ..

Intervista a Claudio Gagliardini


A cura di Anna Fata

Claudio-Gagliardini

Claudio Gagliardini è un esperto di webmarketing, da anni attivo in rete soprattutto in ambito consulenziale, divulgativo e (in)formativo.

Claudio Gagliardini

D: Chi è Claudio Gagliardini?

R: Un esule analogico, rinato nel digitale grazie a una grande passione per la comunicazione e per la rete.
Continua a leggere