La vera Spiritualità ..


operaio_lavoro_fabbrica

Vivendo, giorno per giorno,
mi rendo sempre più conto
che la vera ‪#‎spiritualità‬
non è quella di coloro che sentenziano
da mattina a sera,
nelle loro calde dimore, con la pancia piena, gli abiti (belli o brutti, nuovi o vecchi) cuciti addosso.

La vera spiritualità è quella di coloro
che ogni mattina si alzano dal letto, sempre e nonostante tutto,
che continuano a cercare lavoro, nonostante le infinite non risposte,
oppure che lavorano, nonostante la fatica, la frustrazione, i soprusi, l’insoddisfazione, perché si sono presi un impegno,
perché sanno che anche un reddito è fondamentale per mantenere sè (e nel caso la famiglia).

La vera spiritualità è quella di coloro che alimentano i legami affettivi e amicali,
nonostante l’impegno, la stanchezza, la voglia, a volte, di mandare a monte tutto, in una voragine di non senso, o di migliore voglia di fuga e de responsabilizzazione.

La vera spiritualità è quella di coloro che stanno nel mondo,
ogni giorno, ogni momento,
che si sporcano le mani e le vesti, che cadono e si rialzano,
che faticano, che sudano, che gioiscono, che s’innamorano, che sbattono la testa.

La vera spiritualità è quella di coloro che NON si pongono tante domande,
tante ricerche di senso, spesso mentalmente masturbatorie,
ma che vivono semplicemente quello che si presenta giorno per giorno.

Oggi più che mai le circostanze storiche ci impongono di vivere giorno per giorno,
tra contratti di lavoro precari, relazioni affettive instabili,
e rischi concreti di non riuscire a onorare i debiti contratti, per la casa, o l’auto.

Oggi, spesso, dobbiamo fare i conti con le bollette:
riscaldo casa? compro la carne (o il cibo bio) per mio figlio questa sera? potrò fare studiare mio figlio fino a quando me lo chiederà?

Questa è la VERA SPIRITUALITA’:
andare avanti sempre, comunque, nonostante tutto.

Nonostante i dubbi, la stanchezza, l’insofferenza, la speranza, le attese.

Già, perché siamo umani, e al domani è fisiologico pensarci, almeno un po’.

Senza un domani non c’è progettualità, non c’è futuro.

Non c’è ragione per concepire un figlio oggi,
se non posso partorirlo e mantenerlo domani.
Questa è la realtà.

E chi vive questo,
ogni giorno,
sulla propria pelle,
e va avanti,
NON sa come,
NON sa dove,
NON sa alimentato da cosa,
ma va avanti.
Questa è la VERA SPIRITUALITA’.

E mi inchino mille volte
di fronte a chi sa fare questo.

‪#‎ilcoachingolistico‬

(fonte foto: http://www.gruppoidvregioneveneto.it/wordpress/lavoro-marotta-regione-intervenga-su-eni-perche-si-faccia-carico-dei-lavoratori-addetti-all%E2%80%99inceneritore-vinyls.html)

Annunci